Panta Rei

Panta Rei

Sono mesi che non scrivo, per motivi personali. Oggi ho deciso di dedicare a me stessa dello svago, nel bel mezzo della natura, in un posto vicino a casa, all’interno di un bosco, ai lati di un torrente. Si, la passeggiata del Gorgomoro, che, se percorsa interamente, conduce a Oropa. Inizialmente ero assorta nei pensieri, purtroppo tristi, per via della difficile situazione familiare che sto affrontando da mesi. Ho voluto perdermi nel sentiero boschivo incredula di poter sentirmi meglio qualche ora dopo, proprio per la produzione di endorfine. Le chiamano anche Runner’s high, sballo da corridore, poiché l’ipofisi le rilascia durante l’esercizio fisico di durata prolungata. Una mezzora di corsa o camminata veloce è sufficiente. Ma i pensieri volavano.

Cercavo segnali ovunque dall’universo e anche da una persona che mi protegge dal cielo a cui ho chiesto aiuto nel superare questo calvario. Mi sentivo come un homeless, senza meta, camminavo per inerzia.

Ho pure incontrato dei runners , anche due conoscenti a cui ho rivolto un saluto serafico per poi proseguire sui vari ponticelli in legno. Dopo pochi metri il mio angelo azzurro 💙 mi ha inviato un segnale visivo. Ho compreso ancora una volta che lui è sempre con me, anche se è una presenza invisibile agli occhi. Le anime simili si sentono ugualmente.

Guardavo i vari pezzi di legno dei ponticelli, alcuni interi , altri consumati dall’acqua e dalle intemperie, un po’ come le vite di tanti noi. Ma i miei piedi hanno prestato attenzione e non sono ne’ scivolata, ne’ caduta.

Sono andata avanti per un po’ quando ho deciso di tornare indietro e di fermarmi ad osservare l’acqua del torrente sottostante, ancora una volta prestando attenzione nonostante dentro di me sentissi fortemente che non sarei caduta. Mi sono seduta su una pietra e ho quasi appoggiato le scarpe da ginnastica sull’acqua.

Che piacevole sentirne il rumore ed altrettanto osservarla, senza pensare a nulla, solo guardando la sua limpidezza. Ho trovato per qualche minuto una pace interiore guardandoti ed introiettandoti, un elemento che mi appartiene, è sempre stato così. Mi sono rialzata ancora con una certa irrequietezza interiore e ho deciso d’incamminarmi con passo spedito verso l’auto . Sicuramente era trascorsa più di quella fatidica mezzora, mi sentivo sudata e appiccicaticcia ma nulla importava. Avevo ricavato uno spazio per me, una vocina mi stava soffiando all’orecchio che in seguito mi sarei sentita meglio. Effettivamente prima di rientrare a casa sono pure passata in pescheria a comprare due orate fresche e del tonno. Rientrata a casa avevo più appetito del solito (peraltro molto scarso) e mi sono messa subito a cucinare. Quell’orata era buonissima e l’ho assaporata con gusto pensando che era un po’ che non mi capitava. Ultimamente ho sempre mangiato più per dovere di apportare nutrimento al mio corpo che per il piacere di farlo. In seguito mi sono ritrovata a sbrigare le consuete faccende di casa ma senza sforzo, quasi con ferrea volontà di portarle a termine nel migliore dei modi . In questo frangente invece mi trovo a scrivere di oggi accompagnata da una piacevole ed insolita sensazione di benessere interiore. Tutto ciò è legato a questo momento. Sarà forse ciò che professano i buddhisti: il concentrarsi sull’adesso? Sul qui ed ora? Forse si, vivere il presente significa proprio questo e confermo empiricamente sia l’unico modo per affrontare problemi di una certa gravità. Ora il mio respiro è calmo, non voglio pensare a ciò che dovrò affrontare domani. Proprio domani, il 17 settembre di questo anno nefasto. Spero che il segnale che ho ricevuto oggi abbia un reale significato. Ci voglio credere. Le situazioni mutano, così come l’acqua di un torrente non è mai la stessa. “Panta Rei”, scriveva Eraclito nei confronti del divenire, tutto scorre. Non puoi entrare due volte nello stesso fiume. Percepisco che sarà un percorso faticoso, anche lungo ed impegnativo ma… cara mamma, riuscirai a superarlo, anche con il mio aiuto. Grazie anche all’acqua 💦

Condividi sui Social

Questo articolo ha 4 commenti.

  1. erotik

    Hello. This article was extremely motivating, particularly since I was browsing for thoughts on this issue last Monday. Irina Kendall Votaw

  2. sikis izle

    Card Generator. Yes you heard well, there is the God of War. Jeanine Welbie An

  3. erotik izle

    You made some nice points there. I did a search on the subject matter and found most persons will agree with your site. Blanch Efren Leilah

Lascia un commento