La festa del sole ☀️ 2020: intima e contemplativa

La festa del sole ☀️ 2020: intima e contemplativa

Questa è nuovamente scrittura emozionale, come in articoli precedenti, definita catartica.

Il potere della penna, o meglio della tastiera, serve a sbloccare le nostre menti talvolta aggrovigliate in una matassa di pensieri. Essendo appassionata da tempo di astrologia, ho letto molto in merito all’imminente eclissi solare del 21 giugno 2020. Un’ eclissi anulare che, in Italia, si potrà vedere solo marginalmente alle ore 5.45 am, quando la luna sarà posizionata tra la terra ed il sole, oscurandolo. Lascerà intravedere i margini perimetrali dell’astro e nel cielo apparirà un anello di fuoco.

Eclissi di sole

Gli spettatori più fortunati di questo grande spettacolo saranno coloro che si troveranno all’estero, come in Africa Centrale, India, Arabia Saudita, Cina e nell’Oceano Pacifico. Ma lasciamo in disparte l’astronomia. E invece dal punto di vista astrologico cosa succederà in cielo? Il 21 giugno é il solstizio d’estate (la festa del sole) e ci auguriamo non sarà la fine del mondo, come da qualche giorno i media hanno comunicato la notizia della scorretta interpretazione della premonizione Maya. Oltre a rappresentare l’inizio dell’estate sarà il primo giorno del segno del cancro e di luna nuova sempre nello stesso segno.

le fasi lunari
costellazioni dello zodiaco

Il cancro, quarto segno dello zodiaco, ha come elemento l’acqua, è un segno cardinale, associato alla luna, al romanticismo, all’amore della madre per un figlio, al nutrimento, specialmente emotivo. Per approfondimenti consiglio il sito di astri e psiche e anche il canale YouTube in cui è presente un video specifico sull’oroscopo della luna nuova in cancro ed eclissi di sole. La luna nuova significa anche un nuovo inizio, il lasciare andare situazioni vecchie e prepararsi per i futuri cambiamenti. Con questa particolare configurazione astrale di due pianeti così importanti nello stesso segno, e per giunta il primo segno d’acqua dello zodiaco, specialmente gli animi più emotivi e sensibili, sentiranno  la necessità di trovare degli spazi di rifugio. Il proprio nido in cui raccogliersi ed in cui ricevere nutrimento emotivo per la propria interiorità. Quest’ultimo non deve per forza essere identificato con la propria casa o il nucleo familiare in cui ritirarsi ma un posto in cui sia percepita una vera appartenenza. Un luogo piacevole che porti ristoro emotivo paragonabile alla stessa sensazione di appagamento di quando mangiamo una fetta di una buonissima torta al cioccolato.

luce solare

Il ciclo lunare dura in genere circa due giorni, è probabile che questa volta con una congiunzione di sole e luna, il maschile ed il femminile nel segno di Selene, tanti di noi, specialmente chi ha pianeti o ascendente in segni d’acqua, sentano il bisogno di isolarsi dalla vita sociale, di ritrovare la pace in uno spazio intimo, a volte anche in solitaria. Quello che consiglio è di praticare delle meditazioni e di concentrarsi sul proprio respiro. Non tutti ci credono, alcuni non ne hanno voglia, invece quei dieci o quindici minuti di una giornata da dedicare a se stessi si dovrebbero trovare sempre. E’ per il proprio benessere, mai trascurabile. Consiglio di seguire Sophya Luypaert, l’unico vedic master in Italia  del maestro Deepak Chopra,  sulla sua pagina fb. Le meditazioni ed insegnamenti ayurvedici di Sophya sono molto interessanti e calmanti, la sua voce piacevole emana vibrazioni positive e spesso si avvale di benefici oli essenziali, note olfattive che innalzano le frequenze di questi momenti.   Degno di nota anche il canale you tube “accademia infinita” che propone meditazioni di vario genere tipo la  rigenerazione cellulare o quella del sistema nervoso o quelle proposte per la fascia serale. 

luce per meditazioni

Personalmente il mio posto tranquillo non è lontano dalla mia città di residenza, é il lago Sirio, situato nel Canavese, tra il comune di Ivrea e quello di Chiaverano. Un lago anticamente conosciuto come lago di San Giuseppe in quanto nelle vicinanze è presente l’omonimo convento, ha una superficie di 0,3 km quadrati ed una profondità di quasi 45 metri. Sulle sue sponde si trovano due stabilimenti balneari in cui è piacevole trascorrere le giornate estive: lo Chalet Moia e la storica società dei Canottieri. Questo fantastico posto da anni rappresenta il mio nido, anche restando seduta su una roccia ad osservare le sue limpide e calme acque. Un posto meditativo che acquieta l’anima. 

lago Sirio

Condividi sui Social

Lascia un commento