ASMR o “orgasmo del cervello”: per combattere l’insonnia

ASMR o “orgasmo del cervello”: per combattere l’insonnia

Doveva essere il 2014, un anno per me particolarmente stressante a causa dell’intensità  lavorativa e in cui ero soggetta a diversi disturbi psicosomatici come tachicardia e difficoltà ad addormentarmi.

Sintomi di stress

Quell’anno, navigando sul web, dal mio smartphone, mi apparve questa strana scritta dal nome ASMR . No, non è un Ufo e tantomeno uno strano stupefacente. ASMR è l’acronimo di autonomous sensory meridian response che in italiano significa “risposta sensoriale apicale autonoma”. Detto così non è di nuovo molto esplicativo ma questa è la sua spiegazione scientifica. Ma di cosa si tratta nello specifico? Lo descrivo utilizzando la mia personale esperienza. Digitando su google parole come “video rilassanti”, “video per dormire”  e concetti simili mi imbattei in un video su YouTube di una certa Diana Dew che, con voce sussurrante, mostrava la simulazione di un massaggio rilassante applicato ad un cuscino con indosso una t-shirt. Incuriosita misi gli auricolari per ascoltarlo e, inizialmente, anche osservare le immagini della ragazza dalla gestualità delicata, in dolce connubio con la sua voce sottile . Iniziai a sentire una piacevole sensazione di formicolio in testa accompagnata da una sorta di piacevoli e rilassanti brividi che scendevano sulla schiena. Senza nemmeno terminare  l’ascolto del video, magicamente, mi ritrovai in un completo stato distensivo corporeo fino ad addormentarmi con ancora gli auricolari nelle orecchie. Il mattino seguente ricordai che quella era  una sensazione che avevo già provato in passato. Richiamai alla memoria momenti d’infanzia: quando chiedevo alla nonna o alla baby sitter di farmi i cosiddetti “grattini” sulle  gambe con la punta del ferro per lavorare a maglia. Il sentire tattile era simile, un leggerissimo e riposante solletico che mi coccolava. Anche da adolescente quando nei negozi di abbigliamento o di calze venivo servita da commesse con un timbro di voce talmente delicato da farmi percepire i triggers nella testa, la sensazione era identica. Le facevo parlare di qualsiasi cosa ascoltandole incantata solo per prolungare quel torpore così piacevole. L’ASMR, più comunemente detto “orgasmo del cervello”, non ha nessun riferimento al piacere sessuale anche se secondo alcuni studiosi potrebbe essere qualcosa di analogo ma a livello cerebrale. Il professor Steven Novella, neurologo dell’Università di Yale, lo paragona infatti a una risposta sensoriale al piacere che assomiglia a una perdita di controllo. Infatti, questa strana sigla, stimola una sensazione di rilassamento estremo attivando i cosiddetti tingles, cioè i formicolii alla testa che inducono al sonno.

Rilassamento cerebrale

Purtroppo però non è scientificamente provato che l’ASMR possa curare stress ed insonnia poiché è soggettivo. Da alcune ricerche pare che solo il 20% della popolazione lo possa avvertire o meglio acquisirne coscienza tramite stimoli sensoriali, gli altri sembrano immuni. In ogni caso dopo 6 anni dalla mia casuale scoperta, negli ultimi anni, questo fenomeno sta spopolando sul web. Tanti sono i canali YouTube che lo propongono attraverso voci sussurrate (whispering), giochi di ruolo (role-play),  come quello della commessa del negozio di stoffe che serve un’immaginaria cliente mostrandole i vari articoli attraverso piacevoli fruscii tattili. Oppure quello della segretaria dello studio medico che accoglie il paziente annotando i sintomi su un foglio di quaderno che a contatto con la punta della matita produce un lieve e piacevole rumore.

Tapping

I canali YouTube ASMR italiani che mi sento di consigliare sono quello di Chiara, che è in vetta alle classifiche per il numero di visualizzazioni, e Le note del silenzio con Carlotta che saltuariamente si avvale della collaborazione di Tito. Degni di nota, più che altro per la loro stramberia, sono i video ASMR food, la nuova moda di parlare sussurrando mentre si mangia qualsiasi tipo di cibo, dalle patatine fritte con il ketchup ai marshmallows.  Ma non sono graditi a tutti, c’è chi li trova rilassanti e chi addirittura fastidiosi. Ci sono anche video ASMR no Talking, senza il parlato, ma di solo tapping, ossia il picchiettare con le dita su oggetti come una scatola di té in cartone, far roteare pennelli per il make-up a contatto con il microfono, o di scratching, cioè l’atto di graffiare spesso con le unghie, lunghe ma curate, su altrettanti oggetti aventi dei rilievi, come perline o strass. Infine ASMR con i suoni molte volte prodotti con un metodo di registrazione tridimensionale detto binaurale che utilizza semplicemente le labbra o la lingua che picchietta sui denti.

Asmr sounds

Definire artistici i video ASMR forse è eccessivo, ma l’offerta di suoni e immagini  presente sul web è veramente notevole e poi il bello è che non ha nessun effetto collaterale. Se i pensieri vi assalgono e non riuscite a prendere sonno perché non provare l’ASMR?  Basterà digitare queste quattro lettere sulla barra di YouTube e compariranno moltissimi video, tanti in lingua inglese, non essendo un fenomeno di origine italiana. Sono certa che in poco tempo vi sentirete in completo relax pronti per entrare in una rigenerante vita onirica. 

relax
Condividi sui Social

Lascia un commento